Ultima modifica: 23 febbraio 2016

Progetto “Ma a Prato che cavolo mangi?”

Nel corso dell’anno abbiamo deciso di coltivare nel nostro orto scolastico alcune tipiche colture invernali.
Come potete immaginare piante come verza, radicchio e finocchio erano già familiari ai bambini, per conoscenza diretta o anche semplicemente visiva.
Sconosciuto ai più invece, pur essendo ortaggio comune nella cultura e nella cucina pratese, il cavolo nero, che ha suscitato l’interesse di tutti i piccoli alunni e persino di alcuni loro familiari. Superato il prevedibile impasse iniziale creatosi in una classe multietnica, ricco anche di curiosi aneddoti ironici sugli inevitabili giochi di parole (“Maestra scusi, ma che cavolo è quello?” “un Cavolo nero!”) abbiamo approfondito la conoscenza della nostra Brassica oleracea ( volgarmente cavolo nero) dando inizio ad un laboratorio a classi aperte che coinvolgesse gli alunni delle classi Quarte e Quinte della scuola primaria Alberto  Manzi di Iolo (Prato).
Gli step principali d’apprendimento hanno previsto:

  • Creazione di ricette con il Cavolo Nero tipicamente appartenenti alle tradizioni pratesi e non
  • Ricerca statistica sul consumo nelle famiglie con conseguente presentazione dei dati raccolti
  • Ricerca e creazione di poesie, aforismi e barzellette sull’ortaggio
  • Modi di dire pratesi e non, inerenti al Cavolo Nero con relative illustrazioni .

Alla fine del il percorso tutto il materiale prodotto è stato raccolto nella presentazione “ Ma a Prato ….che cavolo mangi?” con la quale abbiamo partecipato al concorso “Scuola Food: Le Scuole di Prato Verso Expo 2015” e…..pensate un po’, abbiamo vinto il primo premio!!!!

Il 30 maggio 2015, alle Cascine di Tavola, alla presenza del sindaco e di tutte le autorità competenti siamo stati premiati con una lim

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi