Ultima modifica: 26 settembre 2016
ICS Roberto Castellani > Area Bisogni Educativi Speciali – BES > Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Gli alunni con competenze intellettive nella norma o anche elevate, che – per specifici problemi – possono incontrare difficoltà a scuola, devono essere aiutati a realizzare pienamente le loro potenzialità. Fra essi, alunni e studenti con DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento) sono stati oggetto di importanti interventi normativi, che hanno ormai definito un quadro ben strutturato di norme tese ad assicurare il loro diritto allo studio.

Per quanto riguarda gli alunni in possesso di una diagnosi di DSA rilasciata da una struttura privata, si raccomanda – nell’attesa del rilascio della certificazione da parte di strutture sanitarie pubbliche o accreditate – di adottare preventivamente le misure previste dalla Legge 170/2010, qualora il Consiglio di classe o il team dei docenti della scuola primaria ravvisino e riscontrino, sulla base di considerazioni psicopedagogiche e didattiche, carenze fondatamente riconducibili al disturbo.

Il Consiglio di Classe predispone, secondo la normativa, il Piano Didattico Personalizzato (PDP) che verrà condiviso con la famiglia. Il modello è disponibile in allegato a fondo pagina.

 

Con il termine Disturbi Specifici dell’Apprendimento ci si riferisce a:

 

 Dislessia

La dislessia consiste nella difficoltà relativa alla capacità di leggere  in modo corretto e fluente.
Leggere è considerato un atto semplice e automatico e risulta difficile comprendere la fatica di un bambino dislessico. L’alunno dislessico può leggere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le sue capacità e le sue energie, poiché non può farlo in maniera automatica e perciò si stanca rapidamente, commette errori, rimane indietro ecc…
La dislessia non è causata da un deficit di intelligenza né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali.

 

Disgrafia e Disortografia

La disortografia consiste nella difficoltà a tradurre correttamente i suoni che compongono le parole in simboli grafici. Alla disortografia si affianca spesso la disgrafia. La disgrafia è un disturbo specifico dell’apprendimento che incide sulle funzioni fondamentali della scrittura. Si manifesta, quindi, come difficoltà a riprodurre sia i segni alfabetici che quelli numerici. È un disturbo legato a difficoltà nella motricità fine spesso associata a difficoltà nelle competenze prassiche, che impedisce di automatizzare la routine motoria necessaria per la realizzazione del segno scritto.

 

Discalculia

La discalculia è un disturbo caratterizzato dalla difficoltà a quantificare, a scrivere, a leggere i numeri e nello svolgere le quattro operazioni (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione).

 

Referenti d’Istituto:

Silvia Magazzini e Deborah Giglioni

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi